2 nuovi siti Patrimonio UNESCO in Italia

Come ogni anno, fra la fine di giugno e l’inizio di luglio, anche quest’anno sono stati resi noti i nomi dei nuovi siti inseriti nella Lista dei Siti Patrimonio Mondiale UNESCO durante la 41esima sessione della Commissione per il Patrimonio Mondiale UNESCO riunitasi a Cracovia.

La faggeta di Vallelonga

Patrimonio UNESCO in Italia

L’Italia si conferma la nazione con più siti iscritti alla Lista del Patrimonio Mondiale UNESCO con ben 53 tesori, seguono la Cina con 52, la Spagna con 46, la Francia con 43 e la Germania con 42.

I due nuovi siti si aggiungono ai 51 già presenti nella Lista del Patrimonio UNESCO in Italia.

Come si può leggere nella Lista del Patrimonio Mondiale dell’Italia, i due nuovi siti Patrimonio UNESCO in Italia sono: le Faggete Vetuste e le Mura Veneziane della Serenissima.

Entrambi i siti sono seriali e transfrontalieri, cioè che comprendono siti appartenenti a più Paesi.

Le Faggete Vetuste

Questo sito in realtà esisteva già, ne facevano parte alcune faggete dei Carpazi e di altre regioni d’Europa e quest’anno è stato esteso anche all’Italia e ad altre nazioni.

Facevano parte del sito le foreste di faggi di Slovacchia, Ucraina e Germania. Sono state inserite adesso anche quelle di  Albania, Austria, Belgio, Bulgaria, Croazia, Italia, Romania, Slovenia e Spagna.

Le foreste italiane sono: Villavallelonga (Valle Cervara)Lecce nei Marsi (Moricento), Pescasseroli (Coppo del Principe e Coppo del Morto), Opi (Val Fondillo),  partecipano al riconoscimento UNESCO la faggeta di Sasso Fratino (Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi), della Foresta Umbra (Parco Nazionale del Gargano), di Cozzo Ferriero (Parco Nazionale del Pollino), del Monte Cimino (Soriano nel Cimino) e di Monte Raschio (Parco Naturale Regionale di Bracciano-Martignano)

Palmanova

Le Mura Veneziane

Si tratta di una serie di fortificazioni costruite dalla Serenissima fra il XVI e il XVII secolo, uno dei periodi più significativi per la Repubblica di Venezia. Le costruzioni sono rappresentative dell’evoluzione delle tecniche di costruzione raggiunta dalla Serenissima e dell’applicazione di concetti più moderni legati non solo all’architettura ma anche alla strategia militate.

Per l’Italia fanno parte di questo sito le opere di difesa presenti a Bergamo, Palmanova, Peschiera del Garda.

Precedente Una città o l'altra - Bill Bryson Successivo Letture estive in giallo - Le mie letture per l'estate 2017