7/7/2007 – Antonio Manzini

7/7/2007 – Torna il vicequestore Rocco Schiavone

7/7/2007 è un romanzo del 2016 di Antonio Manzini, edito da Sellerio nella collana La memoria.

Rocco Schiavone, il burbero vicequestore romano trasferito ad Aosta, è costretto a raccontare i fatti del luglio 2007 per cercare di dare un volto e un nome all’assassino di Alice, la sua amica e fidanzata di Sebastiano, uccisa da otto colpi di pistola mentre si trovava a casa del vicequestore in Rue Piave ad Aosta.

Rocco Schiavone indaga

La narrazione ha inizio nel 2007, quando Rocco non è ancora stato trasferito ad Aosta e lavora a Roma. Rocco si ritrova a indagare sull’uccisione di due ragazzi romani di buona famiglia, porta Rocco a indagare su un grosso traffico di droga nella capitale. In seguito a una grossa operazione di controllo presso il porto di Civitavecchia, Rocco riesce ad arrestare Silvestrelli, a capo del traffico di droga e mandante dei due omicidi.

2007 Manzini

Nel frattempo, Rocco sta attraversando un periodo difficile nel suo rapporto con la moglie Marina: lei ha scoperto chi è lui in realtà e chi sono i suoi amici, così si è allontanata temporaneamente da Rocco ed è andata a stare dai suoi genitori per qualche giorno.

7/7/2007 è, a mio avviso, il romanzo di Antonio Manzini che meglio ci presenta la complessa personalità del vicequestore Rocco Schiavone. Una storia d’amore con finale amaro, che ci spiega la ragione del trasferimento ad Aosta del vicequestore Rocco Schiavone.

Rocco Schiavone

Il personaggio di Rocco Schiavone, un Vicequestore sui generis che fuma marijuana e il cui comportamento non segue sempre la legge, ci viene introdotto nel romanzo Pista nera . Una delle prime informazioni che dobbiamo apprendere di lui è che inizia sempre la giornata con uno spinello che lui definisce, citando Hegel, la sua “preghiera laica del mattino”.

Rocco è un tipo simpatico, anche se a volte è un po’ burbero e cinico. Il suo umore, almeno all’inizio, è peggiorato dal fatto che è stato trasferito ad Aosta, città che odia e che gli appare fredda e spenta. Rocco odia il freddo ma nonostante ciò, si ostina a vestirsi con Loden e Clarks, anche in pieno inverno

Precedente Jonas Jonasson - L'analfabeta che sapeva contare Successivo La Patria, bene o male - Fruttero e Gramellini