“L’alba dei nostri solstizi”: la prima opera tradotta in italiano di Aurélien Di Sanzo

«Sogno un altrove inesplorato, sentieri mai calcati, mari infiniti e cieli senza nuvole. Sogno un rifugio fuori dal tempo, un luogo segreto ove potrei posare la mia anima in tutta tranquillità, prenderla per mano e guidarla verso remote sfere, laddove più nessuno potrà mai ritrovarci.»

aurelien-di-sanzo

Così Aurélien Di Sanzo, giovane poeta francese di origini italiane, ci racconta la sua scrittura poetica: fuggire dall’adattamento individuale alla cultura del gruppo, viaggiare verso un orizzonte illusorio, addolcire la realtà col profumo dell’inchiostro sulla carta.

I temi e la poetica

Nella raccolta di poesie in prosa e in versi “L’alba dei nostri solstizi”, Aurélien Di Sanzo riflette in modo fresco e originale su molti temi ‘classici’, tra cui la vita, la morte, l’amore, l’alienazione, il degrado ambientale, i ricordi, la potenza della natura, la funzione dell’arte e la vis creativa.

Nella prefazione alla raccolta, Jean Jacques Carron individua nella sua poetica un pensiero filosofico estremamente maturo che passa attraverso il platonismo e il catarismo, sfiorando persino l’estetica giapponese con il concetto fortemente emotivo di Mono no aware.

La forza ispiratrice della musica

Nella premessa che presenta le sue cinquantotto poesie, l’autore non fa mistero del suo amore per la musica ambientale, che lui stesso definisce nella sinossi “fonte inesauribile di ispirazione poetica”, in particolare quella del duo ambient statunitense ‘Hammock‘. A questo gruppo ha dedicato la poesia XXXIV della sua raccolta, “Apologia dell’amaca”, invitando inoltre il lettore a creare un magico sottofondo con la loro musica durante la lettura.

«Ma disegnare, scrivere poesia, respirare e vivere, in fin dei conti non era poi questo: rifare le cose all’infinito, finché l’ultimo bagliore all’orizzonte si spegne come una candela sulla quale un bambino avrebbe malauguratamente soffiato?»

“L’alba dei nostri solstizi” è una raccolta di 58 poesie che invita il lettore a rifugiarsi fuori dal tempo. In prosa e più raramente in versi, queste poesie vi immergeranno in un’evasione ora fisica ora astratta, spirituale, talvolta persino misteriosa e affascinante. Ogni poesia è stata scritta con un sottofondo di musica ambientale, fonte inesauribile d’ispirazione poetica.
Disponibile su Amazon, Google Play e Kobo.
cover-alba
Precedente Il mistero degli studi Kellerman - Ken Follett Successivo Sull'orlo del precipizio - Antonio Manzini