All’inseguimento del cane nero – Roddy Doyle

All’inseguimento del cane nero è un romanzo per ragazzi del 2014 dell’autore irlandese Roddy Doyle. In Italia, il libro è edito da Guanda con la traduzione di Stefania De Franco.

Il nostro viaggio nel mondo della letteratura per ragazzi presegue con la lettura di un romanzo che affronta un tema molto delicato: la crisi economica che sta colpendo il mondo? E come affrontare un tema tanto delicato con i bambini?

All’inseguimento del cane nero

Roddy Doyle lo fa attraverso una metafora: un cane nero cattivo, molto cattivo, che si attacca alla schiena delle persone e le fa soffrire. Il cane nero causa la depressione, che sta colpendo molte persone a Dublino.

Ma procediamo con ordine…

Gloria e Raymond sono due fratelli che vivono a Dublino insieme ai loro genitori e alla nonna, un giorno arriva a casa loro lo zio Ben, il loro unico zio, che si sistema “temporaneamente” a casa loro. Da quel giorno i discorsi degli adulti si fanno sempre più seri e lo zio Ben, di solito così allegro e giocoso, è sempre più pensieroso. Cosa gli sarà successo?

Origliando i discorsi dei grandi, i bambini sentono dire da loro nonna che il cane nero della depressione è salito sulla schiena dello zio Ben, proprio come sta facendo con sempre più persone in città.

I bambini decidono allora di aiutare lo zio Ben scacciando il cane nero e da qui partirà una divertente avventura.

“Roddy Doyle è un genio”

“Roddy Doyle è un genio”, queste sono le parole della celebre scrittrice britannica J. K. Rowling per definire l’autore di All’inseguimento del cane nero.

Con il suo divertentissimo divertentissimo romanzo, Roddy Doyle non solo spiega ai bambini cos’è la crisi ma, a parer mio, insegna loro che se si impegnano possono combatterla e sconfiggerla: l’importante è non farsi dominare dal cane nero.

 

Precedente Il tesoro segreto di Leonardo - Gary Northwest, Onésimo Colavidas Successivo Tempo da elfi - Francesco Guccini - Loriano Macchiavelli