Amin, che è volato giù di sotto – Nadia Morbelli

Amin, che è volato giù di sotto è il secondo romanzo (pubblicato nel 2013) della scrittrice genovese Nadia Morbelli. Nadia Morbelli in realtà è la protagonista del romanzo ed è anche lo pseudonimo dell’autrice, che però non desidera rivelare la sua vera identità.

Amin, che è volato giù di sotto

Nadia, la protagonista, esce dall’ufficio in una freddissima serata invernale e nei carrugi di una Genova semideserta trova il cadavere di un uomo…

Tempo cinque minuti e avevamo sentito l’ululato di una sirena rimbombare fra i palazzi della strada di sopra. Poi, all’imbocco del vicolo era baluginata la luce azzurrognola e intermittente di una volante: in un lampo due poliziotti ci avevano raggiunti di corsa.
Di lì in poi i miei ricordi si fanno vaghi, discontinui: i celerini chinati sul corpo di quel disgraziato…
Gian Paolo che intirizzisce nella giacca di tweed… la voce roca e metallica che esce dalla ricetrasmittente… un mezzo lenzuolo bianco uscito chissà da dove buttato sul cadavere… io che rispondo non so cosa a un bel giovanotto in divisa… i suoi occhi di un celeste chiarissimo…

Nadia torna a casa e cerca di dormire, ma non riesce a smettere di pensare all’accaduto. Le indagini procedono lente e senza particolare interesse da parte delle forze dell’ordine, così Nadia decide di improvvisarsi detective e condurre una serie di indagini personali. Nadia conoscerà la sorella del morto, Amin, che non crede alla spiegazione della polizia, secondo la quale si tratterebbe di suicidio. Ci sono troppi particolari che non quadrano, troppe note stonate…

Nadia mobilita anche un suo amico Questore, chiedendogli piccole informazioni sulle indagini ma non gli racconta proprio tutta la verità: non gli parla di ciò che ha scoperto o dei suoi “sopralluoghi”. Nadia ha delle ipotesi, ma sono solo congetture. Quale sarà la verità?

Lo stile colloquiale, con l’utilizzo di termini dialettali e riferimenti a piatti tipici della cucina ligure e del Basso Piemonte, di Nadia Morbelli rende la narrazione molto fluida e divertente.

 

Precedente Salone Internazionale del Libro 2017 di Torino Successivo Il nuovo Harry Potter: Harry Potter e la maledizione dell'erede