Il metodo del coccodrillo – Maurizio De Giovanni

Il metodo del coccodrillo è un romanzo dello scrittore italiano Maurizio De Giovanni, edito nel 2012 e ambientato nella Napoli dei giorni nostri. Il protagonista è l’ispettore Giuseppe Lojacono,  che diverrà poi il protagonista della serie di Di Giovanni inaugurata dal romanzo I Bastardi di Pizzofalcone, da cui è tratta l’omonima serie televisiva.

Il metodo del coccodrillo – La trama

L’ispettore Giuseppe Lojacono viene trasferito a Napoli da Agrigento, dove lavorava nella squadra mobile. Lojacono, dopo essere stato accusato di passare informazioni alla mafia, ha perso tutto: lavoro, casa e, soprattutto, l’affetto della moglie e della figlia.

Lojacono viene assegnato all’ufficio scomparsi e gli viene dato l’ordine tassativo di non farsi notare e lui, obbedendo agli ordini, passa interminabili giornate a sfidare il computer a scopa e ad annoiarsi.

Una notte, quando lui è di turno, viene ucciso un ragazzo ed è proprio lui a ricevere la chiamata e a recarsi per primo sul luogo del delitto. A questo omicidio ne seguiranno altri due: tre omicidi, tre ragazzi di quartieri diversi e che sembrano non avere nulla a che fare l’uno con l’altro. L’unico denominatore comune è quello del metodo, del modus operandi del killer: un solo colpo di pistola, sparato da distanza ravvicinata, con un silenziatore . Il killer è uno metodico, ha pianificato gli omicidi nei minimi dettagli e sembra non avere fretta. Inoltre, sulle scene dei crimini, vengono rinvenuti dei fazzoletti che il killer usa per asciugarsi le lacrime da un occhio… il killer piange prima di sparare e la stampa comincia a soprannominarlo “Il Coccodrillo”.

Lojacono ha una sua teoria su quegli omicidi, ma sembra che al commissariato voglia ascoltarlo solo Laura Piras, il sostituto procuratore incaricato delle indagini. Lojacono pensa che se non sono i ragazzi a essere collegati in qualche modo, allora devono essere i genitori la chiave. Ce la faranno l’ispettore e il sostituto procuratore a catturare il loro Coccodrillo?

Precedente Quick, quick, slow: tre romanzi a passo di danza Successivo Cittadella di Alessandria candidata al Patrimonio Mondiale UNESCO