Il Patrimonio UNESCO in Italia

L’Italia è il Paese che vanta il maggior numero di siti appartenenti al Patrimonio UNESCO. Sono infatti ben 51 i siti presenti, fra siti culturali o naturali, singoli, seriali oppure transfrontalieri (in un prossimo articolo, parleremo delle varie tipologie di siti del Patrimonio UNESCO).

51 siti Patrimonio UNESCO dal 1979 a oggi

Il primo siti italiano a essere inserito nella Lista del Patrimonio Mondiale UNESCO è stato il sito delle Incisioni Rupestri della Valcamonica nel 1979 e l’ultimo, nel 2015, è stato il Parco Nazionale del Pollino.

Tutti i siti italiani, regione per regione

Abruzzo 

Nessun sito presente

Basilicata 

1 – I Sassi e il parco delle chiese rupestri di Matera (1993)

2 – Parco Nazionale del Pollino (2015)

Campania 

1 – Centro storico di Napoli (1995)

2 – Palazzo Reale di caserta (1997)

3 – Zone archeologiche di Pompei, Ercolano e Torre annunziata (1997)

4 – Costiera Amalfitana (1997)

5 – Longobardi in Italia  (2011)

Palazzo reale di Caserta

Emilia Romagna

1 – Ferrara città del Rinascimento e il delta del Po (1995)

2 – Monumenti paleocristiani di Ravenna (1996)

3 – Cattedrale, Torre Civica e Piazza Grande di Modena (1997)

Friuli – Venezia Giulia

1 – Zona archeologica e basilica patriarcale di Aquileia (1997)

2 – Dolomiti (2009)

3 – Longobardi in Italia (2011)

4 – Siti palafitticoli dell’arco alpino  (2011)

Cividale del Friuli

Lazio   

1 – Centro storico di Roma (1980)

2 – Villa Adriana (Tivoli) (1998)

3 – Villa d’Este (Tivoli) (2001)

4 – Necropoli etrusche di Cerveteri e Tarquinia (2004)

Liguria

1 – Portovenere, le Cinqueterre e le Isole (1994)

2 – Genova: le Strade Nuove e il sistema dei Palazzi dei Rolli (2006)

Lombardia

1 – Incisioni rupestri della Val Camonica (1979)

2 – Chiesa e convento domenicano di Santa Maria delle Grazie con “L’ultima cena” di Leonardo (Milano) (1980)

3 – Crespi d’Adda (1995)

4 – Sacri Monti del Piemonte e della Lombardia (2003)

5 – Mantova e Sabbioneta (2008)

6 – Ferrovie retica nel paesaggio dell’Albula e del Bernina (2008)

7 – I Longobardi in Italia: i luoghi del potere (2011)

8 – Siti palafitticoli dell’arco alpino (2011)

Marche

1 – Centro storico di Urbino (1998)

Molise

Nessun sito presente

Piemonte

1 – Residenze Sabaude (1997)

2 – Sacri Monti del Piemonte e della Lombardia (2003)

3 – Siti palafitticoli dell’arco alpino (2011)

4 – Paesaggi vitivinicoli di Langhe, Roero e Monferrato (2014)

Puglia

1 – Castel del Monte (1996)

2 – Trulli di Alberobello (1996)

3 – Longobardi in Italia: i luoghi del potere

Sardegna

1 – Su Nuraxi di Barumini (1997)

Sicilia

1 – Villa romana del Casale a Piazza Armerina (1997)

2 – Valle dei templi – Area archeologica di Agrigento (1997)

3 – Isole Eolie (2000)

4 – Città tardo barocche della Val di Noto (2002)

5 – Siracusa e la Necropoli rupestre di Pantalica (2005)

6 – Monte Etna (2013)

7 – Palermo arabo-normanna e le cattedrali di Cafalù e Monreale (2015)

Toscana

1 – Centro storico di Firenze (1982)

2 – Piazza dei Miracoli (Pisa) (1987)

3 – Centro storico di San Giminiano (1990)

4 – Centro storico di Siena (1995)

5 – Centro storico di Pienza (1996)

6 – Val d’Orcia (2004)

7 – Ville medicee e giardini in Toscana (2013)

Centro Storico di Firenze

Trentino – Alto Adige

1 – Dolomiti (2009)

2 – Siti palafitticoli dell’arco alpino (2011)

Umbria

1 – Assisi: la basilica di San Francesco e altri luoghi francescani (2000)

2 – Longobardi in Italia: i luoghi del potere (2011)

Valle d’Aosta

Nessun sito presente

Veneto

1 – Venezia e la sua laguna (1987)

2 – Città di Vicenza e le ville palladiane del veneto (1994)

3 – Orto botanico di Padova (1997)

4 – Città di Verona (2000)

5 – Dolomiti (2009)

6 – Siti palafitticoli dell’arco alpino (2011)

 

Nell’elenco, alcuni siti seriali (cioè siti che comprendono più beni, sovente situati in regioni diverse come i Sacri Monti di Piemnonte e Lombardia) compaiono più volte: uno per ogni regione ove sono presenti.

Guida al Patrimonio Mondiale di Italia e Cina

.Il primo dei due volumi della Guida al Patrimonio UNESCO dell’Umanità di Italia e Cina analizza i 50 siti italiani (il volume è aggiornato al 2014 e il 51° sito italiano è stato aggiunto a Giugno 2015) prima in italiano, con testi a cura del Centro per l’UNESCO di Torino, e poi in cinese con i testi tradotti dai traduttori di ANGI.

L’opera è stata presentata nel maggio del 2015 presso il Salone Internazionale del Libro di Torino e a ottobre 2015 a Expo 2015 a Milano presso il Padiglione Cinese.

Precedente Tabloid inferno - Selene Pascarella Successivo Essere Nanni Moretti - Giuseppe Culicchia