Il ragazzo che leggeva Maigret – Francesco Recami

Il ragazzo che leggeva Maigret è un romanzo del 2009 edito da BUR dell’autore toscano Francesco Recami.

Giulio: il ragazzo che leggeva Maigret

È inverno, Maigret aspetta la corriera per andare a scuola e mentre aspetta, lì al freddo e in mezzo alla nebbia, gli sembra di vedere una persona che trascina qualcosa (o qualcuno) verso il canale.

Inoltre, quando Maigret sale sul bus, vede salire anche uno sconosciuto, vestito in modo elegante e con un paio di scarpe gialle.

In Il ragazzo che leggeva Maigret, Maigret è il soprannome di Giulio, un ragazzino che frequenta la terza media e ha la passione di leggere romanzi gialli, ma non gialli qualsiasi, quelli del commissario Maigret.

Come il suo eroe, Giulio è un vero gourmand: ama mangiare e si fa preparare da sua mamma dei veri e propri manicaretti.

Giulio è il figlio del fattore dei Conti di San Vittore e vive in un piccolo paesino di campagna.

Giulio non sa se raccontare a qualcuno quello che ha visto perché ha paura di non essere creduto e che il tutto venga archiviato come la fantasia di un ragazzino che legge troppi gialli.

Il ragazzo che leggeva Maigret è un romanzo divertente e, a mio avviso, Recami riesce a far sì che il lettore si immedesimi nel personaggio di Giulio, il ragazzino curioso, coraggioso e un po’ incosciente.

Maigret va a scuola

Proprio come il titolo di questo paragrafo, tutti i capitoli de Il ragazzo che leggeva Maigret hanno il titoli di un romanzo del celebre commissario nato dalla penna di Simenon.

L’autore: Francesco Recami

Francesco Recami è celebre per la saga di Amedeo Consonni e della sua Casa di Ringhiera. Questa serie ha avuto inizio con il romanzo La casa di ringhiera del 2011 e conta un totale di sei romanzi, tutti editi da Sellerio.

Inoltre, con Sellerio, Recami ha pubblicato altri quattro romanzi e alcuni racconti, come quello contenuto nella raccolta Il calcio in giallo.

 

Precedente 23 aprile: Giornata mondiale del libro e del diritto d'autore Successivo Burcina: prossimo sito piemontese candidato al Patrimonio UNESCO?