Indagine non autorizzata – Carlo Lucarelli

Indagine non autorizzata è un romanzo di Carlo Lucarelli edito nel 200 da Hobby & Work. Il romanzo è ambientato a Riccione, nell’agosto del 1936.

Indagine non autorizzata

Indagine non autorizzata si apre con il ritrovamento del cadavere di una prostituta sulla spiaggia vicino allla residenza estiva del Duce, a Riccione.

Intanto, la Questura di Rimini è in subbuglio per l’imminente arrivo del Duce per trascorrere le vacanze nella sua villa sulla spiaggia di Riccione.

Proprio per questo, la Questura dà la priorità all’indagine e vi concentra tutti gli uomini e i mezzi a sua disposizione. Il caso viene risolto in un batter d’occhio: la prostituta, tal Miranda Rubino al secolo Palmina Tabanelli, è stata uccisa dal suo protettore e compagno, Oscar Tabanelli.

Caso chiuso e Questura che riceve i complimenti della Squadra Presidenziale per aver risolto velocemente l’indagine.

Indagine non autorizzata: l’ispettore Marino indaga

L’ispettore Marino non è per nulla convinto di questa soluzione lampo: ci sono troppe cose che non tornano.

A questo punto l’ispettore esterna le sue perplessità al suo superiore, Arenzano, che però lo diffida dal continuare l’indagine e lo esorta ad accettare la conclusione del caso.

L’ispettore Marino però non ci sta e decide di andare a fondo alla questione: lui deve e vuole scoprire la verità. Magari la soluzione di questo caso gli porterà una promozione e lui riuscirà a riscattarsi agli occhi della moglie che l’ha lasciato.

Con questa speranza, alimentata dal giornalista Gabriele Dannunzio, Marino incomincia ad indagare e per prima cosa va a cercare due amici di Oscar Tabanelli.

Da qui avrà inizio una ricerca che porterà il nostro commissario ad indagare su personaggi molto in vista e a muoversi sul filo del rasoio.

Indagine non autorizzata è, a mio avviso, un romanzo avvincente, una storia molto originale, per nulla scontata e assolutamente imprevedibile.

Precedente Muoio e torno: leggi GRATIS il primo capitolo Successivo Verona - Città Patrimonio Mondiale UNESCO