La condanna del sangue. La primavera del commissario Ricciardi – Maurizio De Giovanni

La condanna del sangue. La primavera del commissario Ricciardi è un romanzo di Maurizio De Giovanni del 2008 edito da Fandango.

Si tratta del secondo capitolo della saga del commissario Ricciardi: il primo, di cui abbiamo già parlato, è Il senso del dolore. L’inverno del commissario Ricciardi.

La condanna del sangue: il secondo capitolo della saga del commissario Ricciardi

La condanna del sangue. La primavera del commissario Ricciardi è ambientato a Napoli all’inizio della primavera del 1931, a un mese esatto dai fatti narrati in Il senso del dolore. L’inverno del commissario Ricciardi.

La città è agitata dalla primavera, che risveglia i sentimenti sopiti degli uomini. Anche Ricciardi è scosso da forti emozioni, che però non hanno nulla a che vedere con la primavera.

Il commissario infatti ha, come abbiamo già visto nel romanzo precedente, la capacità di vedere i morti di morte violenta nel loro ultimo istante di vita. Ebbene, questa capacità si rafforza con la primavera e Ricciardi ne soffre, continua a vedere volti e a sentire storie.

Morte di una cartomante

Il commissario Ricciardi e il fedele brigadiere Maione vengono incaricati di indagare sulla morte di un’anziana cartomante del rione Sanità, Carmela Calise.

L’anziana riceveva molti clienti ogni giorno e la lista di possibili sospetti sembra essere infinita. Inoltre, ben presto Ricciardi e Maione scopriranno che la cartomante era anche un’usuraia: reinvestiva il ricavato della cartomanzia prestandolo, a interessi maggiorati ovviamente.

Quest’informazione invece che restringere il campo, lo allarga: chi può aver ucciso l’anziana cartomante?

L’indagine porterà Ricciardi e Maione a indagare fra i tanti clienti della Calise: uomini e donne di ogni età ed estrazione sociale.

Nel frattempo mentre si reca al lavoro, Maione soccorre una donna (Filomena) che è stata gravemente ferita al viso: la accompagna all’ospedale e la affida alle cure del dottor Modo.

Filomena è bellissima e fa strage di cuori nel suo quartiere: anche Maione sembra essere sensibile al suo fascino. Ce la farà a resistere ai suoi sentimenti?

 

Precedente Sparsa le trecce morbide sull'affannoso petto: vita e morte dei Longobardi a Brescia Successivo Io sono il Libanese - Giancarlo De Cataldo