La gita a Tindari – Andrea Camilleri

La gita a Tindari: l’ottava indagine di Salvo Montalbano

La gita a Tindari di Andrea Camilleri è l’ottavo libro della serie di Montalbano, pubblicato nel 2000 da Sellerio. Nel 2001, da quest’opera è stato tratto l’omonimo sceneggiato con protagonista Luca Zingaretti, nei panni del celebre commissario di Vigata.

Una gita “all inclusive”

Il commissario Montalbano si ritrova a indagare sull’omicidio di un ragazzo, ucciso proprio di fronte al portone del palazzo dove abitava. Ben presto scopre che, nello stesso palazzo,una coppia di anziani coniugi non si vede più da alcuni giorni. I due fatti sono collegati? Cosa accomuna un giovane fimminaro a una coppia di anziani coniugi?

gita

Montalbano non ci mette molto a scoprire che i due non si vedono più dalla domenica precedente, quando sono andati a Tindari con una gita “tutto compreso” di un giorno. A questo punto entra in scena Beatrice, l’accompagnatrice e venditrice della gita, che rivela al commissario alcuni indizi utili e gli racconta di aver scattato alcune foto ricordo del viaggio che potrebbero aiutarlo nelle indagini.

In seguito, il commissario scoprirà che i due vecchietti sono stati uccisi, mano nella mano, in un campo secondo uno stile di esecuzione mafiosa. Ma cosa collega i due vecchietti alla mafia?

Le doti di Catarella

Oltre ai personaggi di Fazio e Mimì Augello, in questa indagine sarà determinante l’aiuto del centralinista Catarella, devoto ammiratore del dottori, che si rivela essere un esperto di informatica.

La gita a Tindari

Catarella, analizzando l’hard disk del computer di Nenè Sanfilippo, il ragazzo assassinato, scoprirà dati e foto che saranno determinanti nella soluzione del caso. Catarella riferirà le sue scoperte a Montalbano utilizzando il “catarellesco”, ovvero storpiando le parole.

In questo romanzo Camilleri, a mio avviso, con la scena del dialogo fra Catarella e Montalbano relativo alle scoperte sul computer della vittima, dipinge una delle scene più divertenti dei romanzi di Montalbano.

Precedente La ladra di Cagliostro – Giulio Leoni Successivo Domestic Noir: istruzioni per l'uso