La notte di Roma – Carlo Bonini – Giancarlo De Cataldo

La notte di Roma è un romanzo di Carlo Bonini e Giancarlo De Cataldo, edito nel 2015 da Einaudi. La notte di Roma è il seguito ideale di Suburra, il romanzo degli stessi autori a cui si ispira l’omonima serie TV prodotta da Netflix.

La notte di Roma: la battaglia di Sebastiano

La notte di Roma è la storia di Sebastiano, il giovane allievo del Samurai che avevamo già conosciuto in Suburra.

Ora, con il Samurai in carcere, si ritrova a dover tirare le fila della rete criminale del suo padrone. Sebastiano dovrà riuscire nel difficile compito di tener testa agli avversari del Samurai, a mantenere alto il suo nome e a non perdere prestigio.

Ce la farà a reggere alla pressione?

Brucia la città, bruciano le passioni. Nella notte di Roma, non c’è misericordia per nessuno. Dove è Suburra, comincia la notte di Roma.

Il Giubileo Straordinario

Nel romanzo, il sindaco di Roma sta per cadere e il mondo della politica è in fermento. Nel frattempo il Papa, di cui non si fa il nome ma si intuisce che si tratta di Papa Francesco, indice un Giubileo Straordinario.

Sarà proprio il Giubileo Straordinario ad attirare le attenzioni della criminalità romana: la partita si gioca intorno alle concessioni edilizie straordinarie che verranno concesse per il Giubileo. Strade, strutture per accogliere pellegrini e i lavori per il potenziamento della metro.

Sarà proprio questa la battaglia che attende Sebastiano, una battaglia che dovrà combattere per conto del Samurai che manderà, tramite il proprio avvocato, qualche consiglio a Sebastiano.

Come già succedeva in Suburra, anche in La notte di Roma non mancano le alleanze fra politici e criminali e le vendette fra la paranza dei piccoli criminali.

Anche Sebastiano proverà ad allearsi con un personaggio politico, Chiara Visone, che si dimostrerà un’avversaria più che all’altezza.

Precedente Giornata mondiale del libro e del diritto d'autore: 23 aprile Successivo Sparsa le trecce morbide sull'affannoso petto: vita e morte dei Longobardi a Brescia