Il mistero degli studi Kellerman – Ken Follett

Il mistero degli studi Kellerman (titolo originale: The Secret of Kellerman’s Studio) è uno dei primi lavori del celebre scrittore Ken Follett. Si tratta del secondo dei due romanzi di fantascienza per ragazzi (il primo è Il pianeta dei bruchi) pubblicati dallo scrittore con lo pseudonimo Martin Martinsen. Il romanzo, pubblicato nel 1976, è stato tradotto e pubblicato in Italia solamente dopo il grande successo dell’autore con romanzi come La cruna dell’ago, Il codice Rebecca e L’uomo di Pietroburgo.

il-mistero-degli-studi-kellerman-ken-follett

Il romanzo è sicuramente uno tra i meno conosciuti di Ken Follett ma, anche se si tratta di uno dei suoi primi lavori, secondo  me si può già identificare lo stile che caratterizzerà i suoi romanzi.

Il mistero degli studi Kellerman

Il romanzo narra la storia dell’amicizia tra Mick e Izzy, che si conoscono presso l’edicola dove lavorano entrambi: i due infatti consegnano giornali in bicicletta. Mick vive con la madre al secondo piano di una casa di un quartiere povero, accanto alla sua casa sorgono gli “Studi Kellerman”, studi cinematografici chiusi da anni. Una società immobiliare vorrebbe acquistare gli studi per costruire un albergo e riqualificare la zona. Mick lo scopre per caso leggendo un articolo sul giornale e lo stesso giorno, la madre riceve la notifica di sfratto. Mick è disperato e vorrebbe aiutare in qualche modo la madre a mantenere quella casa. In loro aiuto arriverà il padre di Izzy, ex produttore cinematografico caduto in disgrazia.

il-mistero-degli-studi-kellerman

Mick e Izzy

Nel frattempo i due amici si introducono parecchie volte di nascosto negli “Studi Kellerman” per andare a giocare e divertirsi fra le scenografie dei film, i trucchi e gli oggetti di scena abbandonati. Durante una di queste visite faranno un incontro che permetterà loro di far luce sul vero proprietario degli Studi e sulle sue attività.

Un romanzo di azione, avventura e amicizia da leggere tutto d’un fiato!

Precedente Il fasciocomunista - Antonio Pennacchi Successivo "L'alba dei nostri solstizi": la prima opera tradotta in italiano di Aurélien Di Sanzo