Nelle terre estreme – Jon Krakauer

Nelle terre estreme è un libro del saggista e alpinista statunitense Jon Krakauer. In Italia il libro è edito da Corbaccio nel 1997. Da questo libro è stato tratto, nel 2007, il film scritto e diretto da Sean Penn Into the wild – Nelle terre selvagge.

Nelle terre estreme

Nelle terre estreme è basato sulle avventure del giovane Chris McCandless che nell’aprile 1992, dopo essersi laureato in legge, lascia la famiglia e si disfa di tutti i suoi averi per avventurarsi nelle terre selvagge dell’Alaska. Solamente quattro mesi dopo, il cadavere di Chris viene rinvenuto nella zona a nord del Monte McKinley.

Jon Krakauer nel 1994 scrive un articolo per la rivista statunitense “Outside” e si interessa talmente alla vicenda che decide di proseguire la sua indagine e ricostruire, con l’aiuto dei parenti e degli amici di Chris, il viaggio del ragazzo.

Un vagabondo gommato

Il fatto che Chris, dopo la laurea, fosse partito da solo guidando la sua macchina, non era così insolito per lui: il ragazzo, infatti, aveva un’innata propensione al viaggio e all’avventura e i suoi genitori erano abituati ai viaggi estivi del figlio in solitaria. Chris era quindi, prima di abbandonare la sua auto in un bosco, un “vagabondo gommato”, così come lui stesso definiva i girovaghi dotati di automobile.

Cancellare le tracce

Durante il suo viaggio attraverso gli Stati Uniti, prima di entrare in Alaska, Chris ebbe parecchi contatti con persone che gli offrirono lavoro, cibo, alloggio e persino vestiti. Chris (che aveva detto a tutti di chiamarsi Alex) non era per niente un tipo schivo, anzi, viene descritto come una persona gentile e “a posto” ma era fermamente intenzionato a intraprendere quest’avventura in solitaria, per entrare in un rapporto diretto con la natura.

Le indagini di Jon Krakauer sottolineano come Chris si fosse preparato a non lasciare tracce e a non fornire indizi ai suoi genitori su dove potesse trovarsi.

Jon e Chris

L’autore, oltre che i dettagli del viaggio di Chris, analizza anche il rapporto con i genitori del ragazzo e cerca di capire le motivazioni che l’hanno spinto a intraprendere il viaggio. Qui l’autore ci svela il punto di contatto fra la sua esperienza e quella di Chris… che io ovviamente non vi svelerò.

Nelle terre estreme (definizione dell’Alaska tratta da un graffito inciso da Chris stesso) non è solo la descrizione dei tragici fatti intorno alla morte di Chris McCandless ma è anche un’attenta analisi psicologica di Chris, dei suoi rapporti con i genitori e con il mondo esterno e soprattutto delle sue convinzioni e della sua ideologia.

Precedente I 4 siti piemontesi candidati al Patrimonio UNESCO Successivo Giulia dei poveri e dei re - Cristina Siccardi