I pilastri della terra – Miniserie televisiva

I pilastri della terra è una miniserie televisiva di produzione canadese e tedesca, andata in onda per la prima volta in Canada nel 2010 mentre in Italia è andata in onda nel 2011. La serie, che ha richiesto circa un anno di lavoro e 40 milioni di dollari di investimento, è stata girata nel 2009 tra Austria e Ungheria.

I pilastri della terra: la miniserie

La miniserie è ispirata al romanzo del 1989 dello scrittore britannico Ken Follett I pilastri della terra ma presenta, rispetto al libro, notevoli differenze: le sorti di alcuni personaggi sono completamente diverse mentre altri, ad esempio l’arcivescovo di Canterbury Thomas Becket, non compaiono nemmeno.

La miniserie, così come il romanzo, ruota intorno alla figura di Tom il costruttore e della sua famiglia. Tom è  incaricato di costruire una nuova casa per Aliena, la figlia del conte Bartholomew di Shiring, non appena si sposerà. Aliena però si rifiuta di convolare a nozza con il giovane Hamleigh e tutta la famiglia di Aliena viene denunciata e si riduce in povertà.

pilastri

Tom il costruttore si ritrova senza lavoro e decide allora di spostarsi, insieme alla sua famiglia, in cerca di una nuova occupazione. Il destino lo porta fino a Kingsbridge dove, sotto la guida di un nuovo priore, si sta costruendo una nuova magnifica cattedrale.

Intanto imperversa la battaglia per il trono d’Inghilterra, a sfidarsi sono i seguaci di Stefano, nipote di Enrico I, e Matilde, figlia di Enrico. La guerra civile, gli odi, gli intrighi e le vendette fanno da sfondo a questa vicenda.

Ken Follett: l’autore

Ken Follett, pseudonimo di Kenneth Martin Follett, è uno scrittore britannico, gallese per la precisione, considerato un maestro delle spy story (Il volo del calabrone, La cruna dell’ago), del thriller (Il terzo gemello, Le gazze ladre) e del romanzo a sfondo storico (Una fortuna pericolosa, La caduta dei giganti, L’inverno del mondo, I giorni dell’eternità).

Precedente Paesaggi vitivinicoli di Langhe, Roero e Monferrato - Patrimonio UNESCO in Piemonte Successivo Coordinate d'Oriente - Alessandro Perissinotto