Residenze Sabaude Patrimonio UNESCO

Il sito delle Residenze Sabaude è un sito seriale (cioè un sito UNESCO che comprende più di un bene architettonico) inserito nella Lista del Patrimonio Mondiale UNESCO nel 1997, il primo della Regione Piemonte. Come si legge sul sito ufficiale delle Residenze Sabaude, i siti sono stati suddivisi in 5 gruppi, a seconda dello scopo per il quale sono stati concepiti: i Palazzi del Potere, la Passione per le Arti, la Vita di Corte, le Regie Villeggiature e la Devozione. Ben 14 dei palazzi compresi in questo sito seriale si trovano a Torino, mentre gli altri si trovano nei dintorni della Capitale Sabauda. Tra i palazzi torinesi ricordiamo Palazzo Reale (nella foto qui sotto), Palazzo Madama, Palazzo Carignano e Villa della Regina. Tra i Palazzi fuori Torino invece ricordiamo la Reggia di Venaria, il Castello di Rivoli e la Palazzina di Caccia di Stupinigi. (nell’immagine di copertina.)

residenze sabaude

Le Residenze Sabaude nella Guida al Patrimonio di Italia e Cina

Il libro bilingue “Guida al Patrimonio dell’Umanità di Italia e Cina”, nato da una collaborazione fra ANGI e Centro per l’UNESCO di Torino, presenta sia i siti italiani Patrimonio dell’Umanità sia quelli cinesi Il primo volume analizza i 50 siti italiani (il volume è aggiornato al 2014 e il 51° sito italiano è stato aggiunto a Giugno 2015) prima in italiano, con testi a cura del Centro per l’UNESCO di Torino, e poi in cinese con i testi tradotti dai traduttori di ANGI. Nel secondo volume invece, si analizzano i 47 siti cinesi (il 48° è stato inserito nella Lista solo a giugno 2015) con in italiano realizzati da ANGI e i testi in cinese ufficiali inviati dalla CNFUCA (Federazione Cinesi dei Centri e Club UNESCO). L’opera è stata presentata nel maggio del 2015 presso il Salone Internazionale del Libro di Torino e a ottobre 2015 a Expo 2015 a Milano presso il Padiglione Cinese.

residenze sabaude

Precedente Una nuova vita - Alessandra Cesana Successivo Torino: 5 cose da vedere