Tabloid inferno – Selene Pascarella

Tabloid inferno è un saggio, lei lo definisce un diario, di Selene Pascarella edito nel 2016 da Edizioni Alegre. Sono venuto a conoscenza di Tabloid inferno grazie alla rubrica Italieni della rivista Internazionale nel dicembre 2016 e sono stato immediatamente attratto dalla recensione.

Tabloid inferno – Confessioni di una cronista di nera

Selene è una giornalista freelance che per quattro anni si muove nei meandri della cronaca nera italiana, scoprendo che i meccanismi con cui i media raccontano la loro verità: la verità mediatica, appunto.

Tabloid inferno ci svela le trame nascoste del complesso mondo della cronaca nera in Italia e i sottili meccanismi psicologici che utilizza.

La cronaca nera in Italia

Selene incomincia a lavorare per un tabloid di serie z, uno di quei tabloid “sangue&sesso” dove un delitto diventa una novel fiction o la sceneggiatura per una fiction ai limiti del trash.

Dopo un omicidio o uno stupro, la macchina della cronaca nera si mette in moto e fa leva su tutta una serie di tasti per attirare l’opinione favorevole della gente e vendere.

In Tabloid inferno, l’autrice ci svela alcuni di questi meccanismi e si pente di averli usati e giura di smetterla con i tabloid di serie z e intraprende un cammino di “purificazione”.

Il libro di Selene Pascarella vi aiuterà a sviluppare gli anticorpi necessari a resistere a questo tipo di narrazione.

L’autrice: Selene Pascarella

Selene Pascarella è nata a Taranto nel 1977 e dal 2005 svolge con alterne fortune il mestiere che sognava da bambina. Giornalista freelance, si occupa di cronaca nera, horror fiction e produzione seriale televisiva. Ha militato in svariati tabloid italiani (che non le sono sopravvissuti) e attualmente collabora con Il Fatto Quotidiano. Nel 2011 ha pubblicato il saggio L’alba degli zombie. Voci dall’apocalisse: il cinema di George Romero con Danilo Arona e Giuliano Santoro (Gargoyle Books).

Precedente La "cultura del tartufo" candidata a Patrimonio Immateriale Successivo Il Patrimonio UNESCO in Italia