Autunno 2018: cosa leggiamo?

Lo so, l’autunno è già iniziato da un pezzo ma sinceramente per me inizia oggi, mentre guardo la pioggia scendere fuori dalla finestra e sfoglio qualche rivista con le nuove uscite in libreria. Fra saggi e romanzi, le proposte sono tantissime, ma ho cercato di selezionarne 10 che mi piacerebbe leggere.

Io ve le propongo e poi mi direte se siete d’accordo con me… o magari scoprite di aver già letto qualche titolo e potrete darmi qualche consiglio.

Autunno 2018: i 10 romanzi che vorrei leggere

Fate il vostro gioco – Antonio Manzini

La nuova indagine di Rocco Schiavone, il celebre vicequestore di Aosta: un tipo un po’ anarchico, che ama rilassarsi con una canna la mattina e ha una scala per misurare le rotture di coglioni…   A essere sincero, aspettavo l’uscita di questo romanzo da circa un anno, ossia da quando ho finito di leggere Pulvis et umbra.

Gli svizzeri muoiono felici – Andrea Fazioli 

L’investigatore privato Elia Contini indaga sulla scomparsa di un noto medico che, improvvisamente, scompare dalla faccia della terra. Un’indagine che porterà Elia in Niger, nel desert, dove i Touareg hanno preziose informazioni per lui.

Black k Klansman – Ron Stallworth 

Il libro narra una storia vera: nel 1978 Ron Stallworth diventa il primo detective afroamericano a entrare nel dipartimento di polizia di Colorado Springs e riuscirà a infiltrarsi nel Ku Kluz Klan.

Vox – Christina Dalcher 

Jean McClellan è diventata una donna di poche parole. Ma non per sua scelta. Può pronunciarne solo cento al giorno, non una di più. Anche sua figlia di sei anni porta il braccialetto conta parole, e le è proibito imparare a leggere e a scrivere.

La stagione delle nomine – Pier Luigi Celli

È tempo di cambi al vertice delle aziende di Stato e Roma, come d’abitudine in questi frangenti, impazzisce come una maionese andata a male. L’occasione è troppo ghiotta per lasciarsela sfuggire, ma il gioco, questa volta, va troppo oltre.

Triade minore – Luigi Ferrari 

Cardiff, maggio 2015: Brynmor Davies, direttore dei programmi musicali di BBC Galles, è un uomo di mezza età e vive in riva all’estuario del Lys con la bella moglie Jeanne. Non ha precedenti penali, ma un solo grande rimorso: vent’anni prima ha mandato un giovane collaboratore, Iwan Pryce, a intervistare una celebre pianista, ormai novantenne, in una casa di riposo nei pressi di Birmingham. La missione si è rivelata fatale, perché sulla via del ritorno Iwan è morto tra le fiamme di uno strano incidente d’auto.

SS-GB I nazisti occupano Londra – Len Deighton 

Cosa sarebbe successo se la guerra fosse stata vinta dai Nazisti e non dagli Alleati? Un romanzo distopico che prova a immaginare una Londra in mani tedesche.

Storia dell’Europa in 24 pinte – Mike Rissanen – Juha Tahvanainen

Ogni capitolo di questo libro ci racconta un episodio in cui la birra è stata testimone di qualche epocale avvenimento storico – finendo per influenzare in qualche modo gli esiti: da Martin Lutero, che preparò la sua difesa alla Dieta di Worms anche grazie a un barile di birra ricevuto in regalo, fino all’assedio di Sarajevo negli anni Novanta, quando l’unica fonte d’acqua potabile rimasta in città era la fabbrica della lager locale… Da leggere assolutamente, magari con una pinta di birra a portata di mano!

Abbiamo toccato le stelle – Roberto Gazzaniga 

Lo sport non è fatto solo di vittorie e di sconfitte. È importante anche come si vince e come si perde. Perché essere un campione non significa soltanto conquistare una medaglia, battere un record, dominare nella propria disciplina, ma conquistare un primato morale, saper difendere un ideale nobile, dare un esempio.

No exit – Taylor Adams 

È la sera del 23 dicembre, e sulle alture del Colorado la bufera di neve del secolo infuria da ore quando Darby è costretta a cercare riparo nella stazione di servizio di Wanapa, dove un vecchio cartello promette caffè bollente…

Spero di essere riuscito a trasmettervi un po’ di curiosità per questi titoli e spero che possiate trovare la vostra lettura per l’autunno. Fatemi sapere nei commenti quale romanzo avete scelto e, naturalmente, quali sono le vostre impressioni.

Precedente NeroGiallo: dal 22 al 24 novembre a Roma Successivo Patria: in arrivo la serie tv tratta dal romanzo di Aramburu

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.