Siti UNESCO in Italia a portata di treno

Siti UNESCO in Italia: un Patrimonio Mondiale a portata di treno

Che l’Italia, con i suoi ben 54 siti Patrimonio Mondiale dell’UNESCO sparsi sull’intero territorio nazionale, sia il Paese con il maggior numero di siti patrimonio dell’umanità in tutto il mondo è ormai risaputo. Senza contare i siti italiani candidati a ottenere lo stesso riconoscimento, che ad oggi ammontano a una quarantina. Forse, però, è meno risaputo che ben 33 dei suddetti 54 siti Patrimonio Mondiale sono raggiungibili in treno.

Langhe, Roero e Monferrato sono nella Lista del Patrimonio Mondiale dal 2014

I Travel Book di Trenitalia: alla scoperta delle meraviglie d’Italia

Sul sito di Trenitalia, nel menù a tendina che si apre posizionando il cursore del mouse su Trasporto regionale”, clicchiamo sulla voce “I nostri Travel Book”. Veniamo quindi reindirizzati a una pagina che funge da vetrina pubblicitaria per una serie di guide a cura di Italia Slow Tour; tante idee di viaggio verso meravigliose destinazioni “da raggiungere comodamente in treno”, come recita il titolo di ogni travel book. Le guide sono sette: Parchi – 8 oasi naturali, Neve – 8 impianti sciistici, Grandi giardini italiani – 22 luoghi da fiaba, Mare (sud e isole) – 31 spiagge da amare, Mare (nord e centro) – 30 spiagge da amare, Borghi – 25 luoghi incantati e, naturalmente, Patrimonio Mondiale dell’UNESCO – 33 siti italiani.

Il Patrimonio UNESCO raggiungibile con i treni regionali

Nella pagina di presentazione del travel book dedicato ai siti UNESCO, troviamo un elenco dei siti italiani raggiungibili direttamente con i treni regionali (ed eventualmente una passeggiata di massimo due chilometri) divisi per regione: Friuli Venezia Giulia, Veneto, Emilia Romagna, Lombardia, Piemonte, Liguria, Toscana, Lazio, Umbria, Campania, Sicilia.

Il Patrimonio UNESCO in treno: una scelta ecosostenibile

Le possibilità di conoscere molti dei siti Patrimonio Mondiale dell’UNESCO in Italia sono dunque parecchie. Queste possibilità si moltiplicano se prendiamo in considerazione anche i collegamenti tra alcune grandi città e località turistiche italiane effettuati dalle Frecce, che permettono di coprire distanze considerevoli in tempi relativamente ridotti (ad esempio Milano – Roma in meno di 3 ore, Torino – Venezia in circa 3 ore e mezza). In ogni caso, viaggiare in treno è sempre una scelta ecosostenibile, amica dell’ambiente poiché non inquina certo quanto l’automobile.

Il Centro storico di Roma è nella Lista del Patrimonio dal 1980

È vero che ci vincola con orari di partenza e arrivo prestabiliti, ma ci evita di dover girare ore per cercare parcheggio; inoltre ci permette di impiegare il tempo del viaggio come più ci aggrada, magari leggendo un libro, ascoltando la musica o semplicemente sonnecchiando, senza la preoccupazione di prestare attenzione alla strada − soprattutto al ritorno, quando siamo sì contenti della bella giornata trascorsa, ma probabilmente anche un po’ “cotti”.

 

Ilaria

Precedente Le ossa della principessa - Alessia Gazzola Successivo Cent'anni di solitudine: in arrivo la serie tv su Netflix