I tacchini non ringraziano – Andrea Camilleri

I tacchini non ringraziano è una raccolta di racconti di Andrea Camilleri con illustrazioni di Paolo Canevari edito da Salani nel 2018.

“Se veramente un giorno riusciremo a sapere quale opinione hanno di noi gli animali, sono certo che non ci resterà da fare altro che sparire dalla faccia del pianeta, sconvolti dalla vergogna. Sempre che, tra cinquant’anni, gli uomini saranno ancora in grado di provare questo sentimento. Io, fortunatamente, non ci sarò. Ma vorrei che qualche mio pronipote consegnasse agli animali una copia di questo libretto perché di me, e di moltissimi altri come me, possano avere un’opinione sia pure leggermente diversa.”

A. Camileri

I tacchini non ringraziano

I racconti, magistralmente illustrati da Paolo Canevari, presenti in questa raccolta sono tutti accomunati da un tema: gli animali. Si tratta di racconti di episodi, più o meno divertenti, della vita di Camilleri da cui emerge un profondo rispetto di tutte le specie viventi.

Tutti gli animali descritti da Camilleri sembrano possedere un’intelligenza superiore, che dà loro la possibilità di comprendere gli uomini e addirittura di curarsi della propria dignità. Come succede ai tacchini, che danno il titolo all’intera raccolta, destinati alle tavole degli americani in occasione della Festa del Ringraziamento.

Negli occhi sbarrati di tanti animali portati al macello m’è capitato di leggere il terrore per la prossima fine, forse sentivano l’odore del sangue delle vittime che li avevano preceduti.
I tacchini invece non davano il minimo segno d’irrequietezza.
Stupidità assoluta o suprema dignità?

(I tacchini non ringraziano – A. Camilleri)

 

Ogni storia ci lascia con un sentimento duplice: da una parte i racconti ci lasciano un po’ di amaro in bocca perché ci rendiamo conto di ciò che l’uomo rischia di perdere a causa dei suoi rapporti con la natura, mentre dall’altro i racconti aprono le porte della speranza per una convivenza pacifica e armoniosa di tutti, uomini e animali.

Precedente Le otto montagne - Paolo Cognetti Successivo Le ossa della principessa - Alessia Gazzola