Il vile villaggio – Lemony Snicket

Il vile villaggio è un romanzo del 2002 dello scrittore statunitense Lemony Snicket, pseudonimo di Daniel Handler. In Italia, il romanzo è stato pubblicato nel 2003 da Salani.

Il vile villaggio è il settimo romanzo della saga Una serie di sfortunati eventi ed è preceduto da L’ascensore ansiogeno.

Il vile villaggio – Lemony Snicket. Una serie di sfortunati eventi, numero 7.

Il vile villaggio: continua la saga degli orfani Baudelaire

Nel settimo capitolo della saga, il signor Poe (gestore del patrimonio dei Baudelaire) decide di iscrivere gli orfani Baudelaire al progetto “Ci vuole un villaggio per allevare un bambino” e di affidare gli orfani alle cure di un intero villaggio, che sarà il tutore legale dei tre fratelli Baudelaire.

Il signor Poe lascia scegliere agli orfani il villaggio che li accudirà e loro scelgono il villaggio di V. F. nella speranza che quel luogo sia legato in qualche modo al loro futuro.

Il nome V. F. ci rimanda al precedente romanzo della saga, quando i trigemini Pantano, tramite un messaggio scritto, svelano ai Baudelaire un legame tra loro e V. F. Ma cosa significa V. F.?

L’arrivo al villaggio

Dopo uno scomodo viaggio in bus e una lunghissima camminata, gli orfani Baudelaire arrivano al villaggio di V. F. e scoprono che è popolata da un gran numero di corvi nerissimi che ricoprono praticamente tutto: case, piazze, strade…

Arrivati al municipio, i tre fratelli vengono accolti dal consiglio degli anziani, che governa la città e che presenta ai tre fratelli il nuovo agente di polizia della città, l’agente Luciana.

L’agente Luciana, sempre a volto coperto, illustra ai ragazzi le assurde regole della città e li informa che saranno affidati al tuttofare Hector, che dovranno aiutare quotidianamente nello sbrigare le faccende della città.

I fratelli Baudelaire scoprono ben presto che il tuttofare Hector è una brava persona e che la vita a V. F. non è poi così male, anche se sono costretti a lavorare tutti i giorni. Ma sarà veramente così?

 

Precedente Gli svizzeri muoiono felici - Andrea Fazioli Successivo Vox - Christina Dalcher