Incisioni rupestri della Val Camonica – Il primo sito UNESCO italiano

Le Incisioni rupestri della Val Camonica sono state il primo sito italiano a rientrare nella Lista del Patrimonio Mondiale dell’Umanità nel 1979.

Un’incisione rappresentante un cervo a Naquane

Queste incisioni rupestri affondano le loro radici ad 8000 anni prima della nostra era e sono state scelte dall’UNESCO in quanto “costituiscono una straordinaria documentazione figurata sui costumi e sulle ideologie preistoriche. L’interpretazione, la classificazione tipologica e gli studi cronologici su questi petroglifi hanno apportato un contributo considerevole nei settori della preistoria, della sociologia e della etnologia.”

“La Valle Camonica, con le sue migliaia di incisioni rupestri, restituisce all’Europa 10.000 anni di storia. E quale storia! Un meraviglioso racconto a fumetti, impresso sulla roccia dai diretti protagonisti, dagli artisti…” (Emmanuel Anati, archeologo)

Incisioni rupestri della Val Camonica

Incisioni rupestri della Val Camonica, questo è il nome del primo sito UNESCO italiano: un sito che tutela più di 140.000 incisioni su un totale di circa 2400 rocce sparse per l’intera vallata.

La maggior parte delle incisioni, sono concentrate nel parco Nazionale delle incisioni rupestri di Naquane sito a Capo di Ponte in località Naquane. Quello di Naquane, istituito nel 1955, è stato il primo parco archeologico italiano.

L’area pic nic adiacente alle rocce 90, 8 e 9.

Questo sito, la cui visita mi ha particolarmente colpito, si estende su quasi 150.000 mq e comprende 104 rocce in arenaria levigata dal ghiacciaio, su cui sono state incise figure che rappresentano scene di caccia, navigazione, guerra e altre attività quotidiane.

Vi sono inoltre le raffigurazioni delle abitazioni dei camuni, presenti su parecchie delle suddette rocce, la raffigurazione di un carro, la rappresentazione di un labirinto e, per finire, la famosa rosa camuna.

La figura del Labirinto sulla roccia 1

La rosa camuna, divenuta nel 1996 simbolo della regione Lombardia, è un simbolo che ritorna parecchio fra le incisioni rupestri presenti in altri siti della vallata e al quale non è ancora stato attribuito un significato. La rosa camuna del Parco di Naquane si trova sulla roccia 60.

Il parco propone 4 percorsi tematici di visita (blu, rosso, verde e arancione) che vi condurranno alla scoperta delle rocce più importanti del parco. Accanto alle rocce in cui le incisioni sono maggiormente visibili, è stato installato un pannello esplicativo che vi aiuterà nell’individuare l’incisione e ve ne spiegherà il significato.

Infine, il Parco è inserito in una splendida cornice naturale che vi permetterà di godere di una bellissima vista sulla Val Camonica.

Precedente Un segreto non è per sempre - Alessia Gazzola Successivo Mosaico: una storia veneziana - Marco De Luca