L’ostile ospedale – Lemony Snicket

L’ostile ospedale è un romanzo del 2004 dello scrittore statunitense Lemony Snicket, pseudonimo di Daniel Handler. In Italia, il romanzo è stato pubblicato nel 2005 da Salani.

L’ostile ospedale è l’ottavo romanzo della saga Una serie di sfortunati eventi ed è preceduto da Il vile villaggio.

L’ostile ospedale: un nuovo capitolo della saga dei Baudelaire

All’inizio de L’ostile ospedale, gli orfani Baudelaire sono in fuga dalla polizia e si nascondono fra le file di scaffali dell’Emporio Ultima Chance. Qui apprendono che le loro foto sono state pubblicate sul Daily Punctilio, all’interno di un articolo che li accusa di essere assassini.

Quando anche il proprietario dell’emporio si accorge che i tre ragazzini sono i tre ricercati le cui fotografie sono pubblicate sul giornale. Mentre li rincorre, i tre ragazzi fuggono all’esterno del negozio e riescono a fuggire salendo sull’autobus dei Volontari Festaioli.

I Volontari Festaioli saranno i V. F. di cui tanto hanno sentito parlare? Gli orfani Baudelaire riusciranno a scoprire la verità sull’incendio alla loro casa che costò la vita ai loro genitori? Riusciranno a trovare il vero colpevole dell’omicidio Snicket e a farsi scagionare?

L’ospedale Heimlich: l’ostile ospedale

I Volontari Festaioli conducono i ragazzi fino all’Ospedale Heimlich, dove i Volontari sono incaricati di alleviare i mali dei pazienti con stupidi canti e palloncini rossi a forma di cuore.

Mescolandosi ai medici dell’ospedale i fratelli ottengono un posto di lavoro come assistenti di Hal che lavora nei sotterranei dell’edificio archiviando le pratiche. Hal dice loro di averli già visti e che c’è qualcosa su di loro circa l’incendio Snicket, ma si rifiuta categoricamente di mostrare la pratica ai ragazzi o anche solo di cercarla.

Appena arrivati, i Baudelaire notano una cosa strana: l’ospedale è costruito soltanto per metà e l’altra metà è costruita soltanto fino alle fondamenta.

Ma soprattutto, riusciranno a nascondersi dal conte Olaf e a continuare tranquillamente la propria vita senza i continui attacchi del Conte e della sua banda di colleghi criminali?

E poi, che fine hanno fatto i trigemini Pantano? Sono ancora nelle grinfie del Conte Olaf o sono riusciti a sfuggire alle sue grinfie?

Precedente No exit - Taylor Adams Successivo Abbiamo toccato le stelle - Riccardo Gazzaniga