La Grande Invasione – Ivrea

La Grande Invasione è il Festival della letteratura e della lettura di Ivrea, in provincia di Torino, che si svolgerà dal 31 maggio al 2 giugno 2019.

La parola è il più straordinario degli effetti speciali.

Domenico Starnone

A fianco della Grande Invasione, giunta quest’anno alla settima edizione, ci sarà la Piccola Invasione: il festival dedicato alle letture dei più piccoli.

 

La Grande Invasione

Per tre giorni la città di Ivrea si trasformerà in un gigantesco laboratorio di lettura a cielo aperto, con seminari, laboratori, conversazioni, presentazioni di libri, mostre, concerti, spettacoli e letture.

Il festival, che si sviluppa lungo le strade e le piazze del centro storico, coinvolgerà anche i teatri, i musei, e molte altre realtà eporediesi.

Ogni partecipante potrà “costruire” il proprio festival scegliendo fra le tante proposte del ricco programma di eventi.

La Grande Invasione avrà inizio il 30 maggio con il concerto di Neri Marcorè dal titolo “Le mie canzoni altrui” presso Vistaterra nella Corte d’Onore del Castello di Parella. (L’evento ha il costo di 20 € – Per info e biglietti, vi consiglio di consultare il sito di La Grande Invasione).

Tra gli ospiti di quest’anno Concita De Gregorio, Gianni Mura, Darwin Pastorin, Matteo Nucci, Ferruccio De Bortoli, i finalisti del Premio Strega, gli stranieri Damon Krukowski, Stefan Merrill Block e Ottessa Moshfegh e per La piccola invasione Chiara Carminati e Franco Lorenzoni.

Da segnalare, i pranzi letterari con i finalisti del Premio Strega in programma per Sabato 1 e Domenica 2 in diversi locali della città. (Come riportato sul programma: I pranzi costano 18€ di cui 5 come contributo festival iniziano alle 13.30 in punto è gradita la prenotazione.)

 

La Piccola Invasione

Come già detto, la Piccola Invasione è la parte di festival dedicata alla letteratura per bambini e alle letture per i più piccoli.

La parola chiave di quest’edizione della Piccola Invasione è curiosità: essere curiosi di ciò che ci circonda, prendersene cura e raccontarlo agli altri.

 

 

Precedente Castelli in giallo: il noir nelle dimore storiche piemontesi Successivo Peschiera del Garda e il Patrimonio UNESCO