L’omicidio Carosino – Maurizio De Giovanni

L’omicidio Carosino, sottotitolo Le prime indagini del commissario Ricciardi, è un libro dell’autore napoletano Maurizio De Giovanni pubblicato nel 2013 da Cento Autori. Il libro, che io ho letto come quinto della serie dedicata al commissario Ricciardi, è un’antologia che raccoglie tre racconti con protagonista il commissario Ricciardi.

L’omicidio Carosino: le prime indagini del commissario Ricciardi

L’omicidio Carosino: le prime indagini del commissario Ricciardi è un’antologia di tre racconti che ci presentano un Ricciardi più giovane, agli inizi della sua carriera e ci spiega come è avvenuto il suo primo incontro col Fatto, quel Fatto che sarebbe poi stato determinante per la sua carriera e la sua vita.

I tre racconti ci forniscono il ritratto di un Ricciardi giovane, pieno di speranze per il futuro ma consapevole del fardello che si porta appresso e che lo condannerà, probabilmente, alla solitudine: a questo fardello dà il nome di Fatto.

Ricciardi e il Fatto

Per prima cosa definiamo il Fatto: chi ha già letto uno o più romanzi della saga lo sa, il Fatto per Ricciardi è la capacità di vedere i morti di morte violenta, di sentire le loro voci anche dopo la morte e di continuare a vedere la loro immagine anche giorni, mesi e anni dopo. E sarà proprio questa sua sensibilità ad aiutarlo a risolvere i suoi casi.

La prima volta che gli capitò fu da piccolo, mentre giocava nel vigneto di famiglia: stava fantasticando di pirati e di mirabolanti avventure quando vide un giovane a terra, con la camicia sporca di sangue e un coltello nel petto.

Corse subito via, spaventato e si rifugiò in casa ma quando accompagnò Tata Rosa sul luogo del (presunto) delitto, non c’era nessuno. O meglio, Tata Rosa non poteva vedere, lei non aveva questo dono… o forse sarebbe meglio dire, questa condanna?

Siete pronti a farvi condurre attraverso i primi casi del commissario Ricciardi dai tre appassionanti racconti di questa antologia?

Precedente Festival del Libro per ragazzi a Candelo (BI) Successivo Pedalando nei Patrimoni UNESCO del Piemonte