Veneto: sette siti nel Patrimonio Mondiale UNESCO

Il Veneto può vantare ben sette siti (di cui quattro seriali) all’interno della Lista del Patrimonio Mondiale UNESCO e due siti iscritti alla Tentative List, ovvero la lista dei siti candidati al Patrimonio.

I due siti candidati sono le Colline del Prosecco – Conegliano e Valdobbiadene e Padova Urbs Picta. Giotto, la Cappella degli Scrovegni e i cicli pittorici del XIV secolo.

Vicenza e la sua “Loggia Palladiana”

Veneto: sette meraviglie UNESCO

1 – Venezia e la sua laguna (1987)

Venezia, nata dall’unione di 118 isolette, nel X secolo è diventata una grande potenza marittima e un’importante capitale mondiale.

Venezia e la sua laguna sono la testimonianza di un’immenso patrimonio storico-culturale.

La celebre Villa detta “La Rotonda”15

2 – Città di Vicenza e le ville palladiane del veneto (1994)

Si tratta di un sito seriale che include, oltre al bellissimo centro storico di Vicenza, ventiquattro ville cinquecentesche progettate da Andrea Palladio disseminate nelle province di Vicenza, Padova, Rovigo, Treviso, Venezia e Verona.

3 – Orto botanico di Padova (1997)

L’Orto Botanico dell’Università di Padova, nato nel ‘500, è il più antico orto botanico del mondo e grazie alla presenza di innumerevoli specie vegetali, può vantare una posizione di rilievo nel campo della botanica.

Città di Verona

4 – Città di Verona (2000)

Il sito, esteso all’intero centro storico della città, rappresenta un unicum per la conservazione dell’originario impianto urbanistico, con le sue romantiche stradine medievali, le sinuose anse dell’Adige e i mille suggestivi scorci.

5 – Dolomiti (2009)

Le Dolomiti (anche conosciute come Monti pallidi), grazie alla combinazione di valori geomorfologici e geologici che ne fanno un luogo di importanza mondiale, sono state scelte dall’UNESCO per entrare a far parte del Patrimonio Mondiale UNESCO.

La zona alla quale è stato attribuito tale riconoscimento si estende per 141.903 ettari, toccando ben cinque province: Trento, Bolzano, Belluno, Pordenone e Udine. ed include diciotto vette che si innalzano oltre i 3.000 metri.

6 – Siti palafitticoli dell’arco alpino (2011)

La serie dei villaggi palafitticoli è una delle più importanti fonti archeologiche per lo studio delle prime società agrarie in Europa tra il 5000 e il 500 a.C.

I siti veneti inseriti all’interno di questo Patrimonio UNESCO sono tre: Peschiera del Garda (VR), Tombola di Cerea (VR), Arquà Petrarca (PD).

7 – Opere di difesa veneziane tra XVI e XVII secolo (2017)

Questo, oltre a essere un sito seriale, è un sito transnazionale: il sito include infatti beni di Italia, Croazia e Montenegro. I siti italiani sono tre: Peschiera del Garda (VR), Bergamo e Palmanova (UD).

Le mura di Peschiera del Garda sono parte di un sistema difensivo progettato per proteggere la Repubblica di Venezia e hanno un eccezionale valore storico, architettonico e tecnologico.

             Le mura di Peschiera del Garda
Precedente ScrittuRa Festival a Ravenna e Lugo Successivo Dalla terra di nessuno. Ultimatum per il Detective Guerrero - Rafael Guerrero