Il volo del calabrone – Ken Follett

Il volo del calabrone (Hornet Flight) è un romanzo di Ken Follett, pubblicato nel 2003 da Mondadori. Il romanzo è ambientato durante la seconda guerra mondiale e narra della resistenza danese all’occupazione nazista. Con questo romanzo, come nella maggior parte delle sue opere, Ken Follett si conferma un maestro nella narrazione delle spy story e dei romanzi d’avventura a sfondo storico.

Il volo del calabrone: uno studente eroico

I bombardieri britannici effettuano una serie di raid aerei in territorio tedesco che però vengono tutti, inspiegabilmente, sventati con anticipo dal nemico. Il Primo Ministro Churchill incarica l’agente segreto Digby Hoare di indagare sui metodi nazisti. Hoare prende contatto con Hermia Mount, appartenente al servizio segreto e fidanzata con un pilota militare danese, Arne Olufsen. Hermia e Arne sono i primi membri della “Ronda di Notte”, il primo gruppo di resistenza danese.

Nel frattempo, sull’isola di Sande, il fratello di Arne, Harald, brillante studente con ottime capacità manuali e una propensione per la fisica, rimane in panne con la motocicletta a vapore che lui stesso ha modificato e decide di tornare a casa a piedi. Per caso, si imbatte in una base militare tedesca costruita dopo la recente invasione e nota così un apparato di controllo, formato da tre strutture contigue. Harald ipotizza che siano radar: il primo con la funzione di individuazione di aerei nemici, il secondo di inseguimento degli stessi e il terzo con funzione di appoggio per la contraerea amica.

il volo del calabrone

Contatti con la resistenza

Harald è desideroso di entrare in contatto con la resistenza e l’occasione gli si presenta un giorno a scuola, durante un’esercitazione di volo, quando fa la conoscenza del pilota Poul Kirke, anche lui membro del gruppo “Ronda di Notte”.

Da qui in poi, sarà tutto un susseguirsi incalzante di eventi che vi terrà col fiato sospeso

il volo del calabrone ken follett

 

Quali altri romanzi di Ken Follett hai letto? Ne ho selezionati alcuni per te!

Precedente Domestic Noir: istruzioni per l'uso Successivo Pista nera - Antonio Manzini